Blog

Ortodonzia linguale con o senza attacchi? Apparecchi linguali a confronto

ortodonzia linguale con attacchi

Apparecchio linguale win di ultima generazione

Sempre più di frequente nell’immaginario dei pazienti si genera curiosità nei confronti della ortodonzia linguale con o senza attacchi, vediamo di fare un po’ di chiarezza.

Cos’è l’ortodonzia linguale?

L’ortodonzia linguale è una tecnica ortodontica che consente la correzione dei denti disallineati tramite un apparecchio fisso invisibile perché incollato sulla faccia interna (linguale) dei denti; in questo modo l’allineamento dei denti può avvenire in totale discrezione senza che l’apparecchio ortodontico sia visibile, ma anche in assoluto comfort dal momento che gli attacchi linguali miniaturizzati di ultima generazione assicurano un adattamento pressocchè immediato all’apparecchio.

Come nasce l’ortodonzia linguale?

L’ortodonzia linguale nasce negli anni 80 ad Hollywood per l’esigenza di correggere i sorrisi delle stelle del cinema senza il disagio e l’ingombro estetico degli apparecchi metallici convenzionali.

I primi attacchi o brackets ad essere incollati sulla faccia interna dei denti erano semplicemente attacchi standard dei comuni apparecchi ortodontici per applicazione sulla superficie esterna dei denti, che venivano adattati ed utilizzati sulla faccia interna dei denti, al fine di spostarli in maniera invisibile. Successivamente le aziende, sotto l’impulso di esperti ortodontisti, hanno cominciato ad investire nell’innovazione e nello sviluppo della tecnica linguale e cominciarono ad uscire in commercio attacchi progettati appositamente per essere incollati e lavorare in maniera invisibile dal lato interno o linguale dei denti.

Quali sono gli apparecchi linguali di ultima generazione?

Arrivano le linee guida mondiali per la salute delle gengive

denti_decalogo

Quasi un miliardo di euro risparmiati ogni anno dai cittadini. Sono queste le stime degli esperti della Società italiana di parodontologia e implantologia (SIdP), che assieme ai colleghi europei, americani e asiatici hanno pubblicato le prime linee guida mondiali sulla salute delle gengive. L’argomento è di grande interesse per tutta la popolazione se si pensa che, solo in Italia, circa 20 milioni di persone over-35 hanno a che fare quotidianamente con gengive sanguinanti o dolenti e che spesso non si rendono conto di essere di fronte a un problema davvero serio. Se non trattata per tempo e nel modo corretto, infatti, l’infiammazione delle gengive (gengivite) diventa una vera e propria malattia (parodontite) che nella sua forma grave porta anche alla perdita dei denti con conseguenze spesso molto pesanti sulla salute, ma anche sul portafoglio. «Costa di più sostituire un solo dente perso per colpa della parodontite che curare l’intera bocca di un paziente nel quale la diagnosi è arrivata per tempo» spiega Maurizio Tonetti, presidente SIdP.

 

I danni della parodontite non si fermano alla bocca…

APPARECCHI INVISIBILI : ORTODONZIA LINGUALE O INVISALIGN ?

 apparecchio linguale win 

Cos’è meglio: ortodonzia linguale o invisalign?

L’ortodonzia linguale è una tecnica ortodontica per la correzione dei denti disallineati che consiste nell’utilizzo di un apparecchio fisso tramite piastrine miniaturizzate, frutto delle più moderne tecnologie nel settore, incollate sul lato linguale (interno) dei denti. In questo modo, correggere la posizione dei denti è possibile senza che l’apparecchio ortodontico sia visibile.

Invisalign, invece, è una tecnica ortodontica per allineare i denti che consiste nell’utilizzo di una serie di mascherine in polimero trasparente e rimovibili che spostano gradualmente i denti che devono essere riallineati, fino alla posizione desiderata. Entrambe le soluzioni, attirano chiunque, desideroso di allineare i propri denti, vada alla ricerca di una “soluzione invisibile”…

Da |Blog generale|Commenti disabilitati

La bocca parla anche…senza parole

sorriso

Smorfie e movimenti di questa parte del volto comunicano ad un occhio attento emozioni e sentimenti di cui a volte non riusciamo a parlare direttamente

Affacciarsi sulla “dimensione della bocca” significa calarsi nel mondo del piacere legato ai sapori della materia e ai sapori delle relazioni. La bocca è l’organo dove duro e morbido sono trionfalmente vicini e l’uno è indispensabile all’altro, dove il cibo viene accolto e assimilato. Ma è anche uno spazio del volto in cui bugie e verità, rabbia, insicurezza o invidia e gioia sono leggibili o intuibili al di là di quel che si dice con le parole. La bocca è un organo dalla duplice “collocazione simbolica”: da un lato è porta di ingresso della materia-cibo e in questo senso giudice insindacabile di ciò che ci piace e non  ci piace. Dall’altro, per composizione cellulare della sua mucosa e per le terminazioni nervose che arrivano alle labbra, è un organo simbolicamente molto vicino alla vagina e quindi alla sfera della sensualità e del piacere erotico. I suoi atteggiamenti sono un libro aperto che rivela il nostro carattere e le nostre intenzioni. Il “gesto” della bocca che maggiormente si presta ad essere letto secondo differenti sfaccettature è il sorriso. Il famosissimo ed enigmatico sorriso della Gioconda di Leonardo ne è l’emblema: apparentemente semplice ma decisamente non interpretabile in maniera univoca.

Quattro sorrisi che non lasciano dubbi

Parodontite e malattie cardiache

La prevenzione della salute del vostro cuore passa anche per i denti. Un articolo di repubblica su correlazione tra parodontite e rischio di malattie cardiache e diabete.

“Il numero di denti caduti rivela il rischio di malattie del cuore e di diabete”

Perdere 5 denti aumenta fino al 140% la probabilità di cardiopatie, se cadono 9 denti si è a rischio diabete. Lo rivela una ricerca dell’università di Helsinki su un campione di 8.446 persone dai 25 ai 75 anni

Schermata 2015-11-26 alle 14.58.44