fbpx
tartaro denti

Tutto ciò che c’è da sapere sul tartaro ai denti

Tartaro denti

Togliere il tartaro fa muovere i denti? Si rovina lo smalto? Aumenta la sensibilità?

Il tartaro è formato da depositi di placca batterica calcificata a causa dei sali minerali presenti nella saliva.

La rimozione accurata e quotidiana con spazzolino e filo interdentale della placca, prima della sua calcificazione, evita e rallenta la formazione di tartaro.
La detartrasi o ablazione tartaro tramite ultrasuoni rientra nelle procedure di igiene orale professionale insieme alla lucidatura con paste e con polveri e alle istruzioni di igiene orale domiciliare e all’applicazione di gel fluorati.

La pulizia dei denti con rimozione del tartaro è importantissima per evitare problemi gengivali quali sanguinamento, gengivite e poi parodontite.

Lo specialista parodontologo (il dentista che si occupa di cura delle gengive) o il suo igienista abilitato, guidato dalla più recente Letteratura scientifica, utilizza delle punte a ultrasuoni indolori, utilizzate sotto ingrandimento e a frequenza minima efficace.

Si useranno anche polveri sottilissime per la rimozione del tartaro sicura, precisa e gentile nei confronti dello smalto per ottenere dopo la seduta una superficie intatta e liscia, in modo tale da tardare la riformazione di tartaro e macchie sui denti e ottenere una guarigione delle gengive infiammate dal tartaro.

In caso di parodontite grave o di forte sensibilità queste procedure possono essere eseguite dopo aver addormentato con l’anestesia locale la zona da trattare.

In questo modo sarà ridotta al minimo anche la sensibilità dei denti e si arresteranno, attraverso i controlli dal dentista, il progressivo ritiro dell’osso attorno ai denti, che se trascurato porta alla mobilità e poi perdita dei denti.

I benefici quindi saranno estetici, di salute, benessere e di qualità di vita.

Vuoi farci una domanda? Visita il sito ortodonzialinguale.net o scrivici subito a info@ortodonzialinguale.net

 

La società italiana di Parodontologia comunica con i pazienti nella sua sezione dedicata a tartaro, igiene, parodontite.

  • CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Altri Articoli

Salute Dentale

Bruxismo

Bruxismo Cos’è il bruxismo dei denti? Perché si digrignano i

Leggi »
Torna su